• Trekking

  • Speleologia carsica

  • Speleologia urbana

  • Storia ed archeologia sotterranea

  • Ricerche

Calendario eventi

<<  Giugno 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

LogIn

Chi è online

Abbiamo 251 visitatori e nessun utente online

Statistiche

Utenti
66
Articoli
1694
Web Links
30
Visite agli articoli
2385033

Ultimi commenti

In bocca al lupo per questa nuova avventura. Conoscendovi so...
Antonio, nostro amico, ne ha individuato ancora un altro su ...
NeandertalMobile - Commented on Vandali al Tempio della Notte in Joomla Article
Andate a darci un occhio dentro perché mi viene il dubbio ch...
Vedere prima la meraviglia e poi la felicità negli occhi di ...

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Erano anni che passando lungo la costa tra Formia e Gaeta, osservando le montagne degli Aurunci, mi ripromettevo di un'acsesa sulle cime di quelle brulle rocce calcaree. Finalmente è arrivato il giorno di un trekking che difficilmente potrò dimenticare: da Maranola al Monte Redentore un'escursione sugli Aurunci.

Monte Redentore - Aurunci

Alle 9:00 circa abbiamo lasciato Napoli e, direzione nord, la nostra auto si è diretta verso Formia. Dopo quasi un'ora, causa l'intenso traffico trovato nel breve tratto che attraversa Mondragone, siamo giunti a Maranola di Formia piccolo borgo medievale arroccato alla base degli Aurunci a quota (268 m). Da lì prendendo la stretta e tortuosa via del Redentore, sempre in auto, si inizia la salita che terminerà a quota (810 m) presso "il Rifugio Pornito" dove si è accolti con estrema gentilezza dalla famiglia che gestisce la struttura. Parcheggiata l'auto subito si parte imboccando il sentiero "CAI - 960" che ci condurrà, tutto in salita, prima alla chiesa di San Michele Arcangelo (1.220 m) e successivamente alla cima del monte Redentore a (1.252 m).

L'ascesa è abbastanza facile e il sentiero è perfettamente marcato anche dalla presenza di una staccionata in legno che protegge il lato valle. Il percorso fino alla cima dura un paio d'ore e, man mano che si sale, offre scorci panoramici sempre più belli.

Noi siamo stati sfortunati perché, giunti in cima, siamo stati in pochi minuti avvolti dalla fitta nebbia delle nuvole che circondavano la vetta. Questo ci ha impedito di godere della vista che da lassù certamente deve essere notevole (al rifugio ci hanno confermato che con il tempo terso è possibile vedere anche il Vesuvio che da lì dista oltre 95 Km).

Un'ultima informazione, quella che forse interesserà buona parte di chi ci legge, è la presenza di numerosissime grotte che confermando un carsismo fortemente accentuato invita a nuove escursioni questa volta da realizzare nel buio dell'interno di questi monti. Qui è possibile scaricare l'Atlante delle grotte del Lazio con la sezione dedicata agli Aurunci.

A questo link troverete alcune delle foto scattate durante l'escursione al Monte Redentore

...e qui il video.

Buona visione

Please login to comment
  • No comments found

Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons
Il sito www.napoliunderground.org non rappresenta una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Napoli Underground (NUg) è un'organizzazione indipendente che si occupa esclusivamente di esplorazioni, ricerche, divulgazione e informazione e non è collegata a nessuna delle tante associazioni che praticano turismo e/o visite guidate nella nostra città.

 

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo.
Visualizza direttiva e-privacy Documenti