• Trekking

  • Speleologia carsica

  • Speleologia urbana

  • Storia ed archeologia sotterranea

  • Ricerche

Calendario eventi

<<  Giugno 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

LogIn

Chi è online

Abbiamo 191 visitatori e nessun utente online

Statistiche

Utenti
72
Articoli
1792
Visite agli articoli
3008435

Ultimi commenti

NeandertalMan - Commented on Sotterranei dell'Arena Civica in Joomla Article
Grazie a voi la speleologia urbana ancora vive.
NeandertalMan - Commented on Sulle tracce del Gigante in Joomla Article
Complimenti! Siete fortissimi e, scusate, bonariamente avete...
I want to go there for a trek with my friends. The place loo...
Qualche fotografia la trovate sulla pagina FB diNapoli Under...

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

La maggior parte dei rifugi antiaerei di Milano era costituita dalle cantine con le volte rinforzate da centinature lignee. I rifugi (o ricoveri) così approntati dovevano resistere al crollo del soprastante edificio, qualora esso fosse stato colpito da una bomba. Non erano quindi «rifugi alla prova», ovvero a prova di bomba, ma nemmeno rifugi antigas. Alla data del 1940 il Comune di Milano aveva approntato poco più di cento rifugi antiaerei pubblici, quasi tutti ricavati da sotterranei o locali seminterrati già esistenti.

Oggi, ad indicare sia i rifugi antiaerei pubblici, sia quelli privati, rimangono le scritte d’epoca sui muri delle case che videro la guerra. Ma perché scrivere sui muri? Per indicare l’ubicazione dei rifugi, le loro uscite di soccorso o di sicurezza e dove si trovassero gli idranti in caso d’incendio.

Uscite di soccorso. I rifugi antiaerei ricavati nei locali sotterranei degli edifici erano chiaramente raggiungibili tramite le scale che vi scendevano. Qualora l’edificio fosse stato bombardato era più che possibile che il vano-scala che conduceva al di sotto potesse rimanere impraticabile a causa delle macerie. Occorreva quindi dotare i rifugi di uscite secondarie sfruttando, ad esempio, i lucernai già esistenti, oppure ricavandole ex novo. Tali uscite le si sarebbe poi fornite di scala generalmente in legno e rinforzi sia interni sia esterni. Erano generalmente chiamate «uscite di soccorso», meno usualmente «uscite di sicurezza», lasciando quest’ultima denominazione ai rifugi dotati di criteri antibomba e antigas. Ma il punto cruciale era come individuare gli accessi e le uscite dei rifugi tra fiamme e macerie. Oltre ad avere le piante dei quartieri e degli isolati con indicata l’ubicazione di ogni rifugio, le squadre di soccorso dovevano poter capire dove scavare, tra le macerie, per liberare dal sottosuolo eventuali ricoverati. Ecco l’idea di dipingere sui muri le frecce e le lettere U.S., ovvero «uscita di soccorso».

Piazzale di Porta Lodovica. A Milano, in Piazzale di Porta Lodovica, vi è un grande palazzo del 1901 il quale conserva sulle sue facciate un interessante campionario di scritte d’epoca. Osservatele con attenzione e vedrete alcune scritte sovrapposte al altre. E, poi, fotografatele! Ma non imbrattatele, perché anche questa è la Storia del Popolo.

Buona indagine e... non imbrattate i muri!

Gianluca Padovan (Ass.ne S.C.A.M. – F.N.C.A.)

Click sulle immagini per ingrandire


1. Indicazione di Rifugio Antiaereo Pubblico in Via Col di  Lana, angolo Piazzale di Porta Lodovica


2. Indicazione di Rifugio Antiaereo Pubblico in Piazzale  di Porta Lodovica


3. Casa del 1901 in Piazzale di Porta Lodovica


4. Indicazione di Uscita di Soccorso


5. Indicazione di Uscita di Soccorso, gialla bordata di  nero, è tra le prime apparse sui muri milanesi


6. Viale Gian Galeazzo angolo Piazzale di Porta  Lodovica


7. Nonostante le frenesie degli IMBRATTONI DI MURI, e la  successiva pulita della facciata, un lacerto di storia milanse si è  conservato

Nessuna immagine

Gli scatti migliori

Nessuna immagine

Il sottosuolo di Napoli

Nessuna immagine

Ultimi post nel forum

  • Monte Sambucaro - Sabato 13 gennaio - da:
    Questa volta si farà, sabato 13, tutti sul Monte Sambucaro, anche detto Sammucro.
    Sulla vetta di questa montagna, posta a quota 1205, e lungo la cresta che sale da San Vittore (quella che...
  • Monte Sambucaro - Domenica 10 dicembre 2017 - da:
    Sabato 16 dicembre, se le condizioni meteo saranno favorevoli, faremo l'escursione al Monte Sambucaro. I dettagli per partecipare sono sempre disponibili sulla pagina Facebook di Napoli Underground...

Forum ExtraTopic

  • La dolce vita - Serata romana - da:
    Era da tempo in programma ma non si vedeva la via di concretizzare questa nuova follia e così, proprio all'ultimo momento, decido di modificare i miei progetti, che questo sabato mi avrebbero...
  • Ancora un break per NUg - da:
    Da domani e fino a sabato 12 agosto, mi prendo un nuovo break. Se riuscirò a trovare qualche connessione internet vi potrei anche postare qualche foto altrimenti ci risentiremo al ritorno....

Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons
Il sito www.napoliunderground.org non rappresenta una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Napoli Underground (NUg) è un'organizzazione indipendente che si occupa esclusivamente di esplorazioni, ricerche, divulgazione e informazione e non è collegata a nessuna delle tante associazioni che praticano turismo e/o visite guidate nella nostra città.

 

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo.
Visualizza direttiva e-privacy Documenti