• Trekking

  • Speleologia carsica

  • Speleologia urbana

  • Storia ed archeologia sotterranea

  • Ricerche

Calendario eventi

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

LogIn

Chi è online

Abbiamo 483 visitatori e nessun utente online

Statistiche

Utenti
72
Articoli
1794
Visite agli articoli
3162163

Ultimi commenti

NeandertalMan - Commented on Sotterranei dell'Arena Civica in Joomla Article
Grazie a voi la speleologia urbana ancora vive.
NeandertalMan - Commented on Sulle tracce del Gigante in Joomla Article
Complimenti! Siete fortissimi e, scusate, bonariamente avete...
I want to go there for a trek with my friends. The place loo...
Qualche fotografia la trovate sulla pagina FB diNapoli Under...

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

A Milano ci sono ancora tre rifugi antiaerei “di tipo speciale in elevato, anche definiti “a torre”, situati nell’area Ex-Piaggio, lungo il lato che dà su Via Riccardo Pitteri. Un altro, visibile nella foto al di là di un muro di cinta (oggi abbattuto), si trova in Via Adriano, nell’area Ex Magneti Marelli. Noi dello SCAM lo chiamiamo “il Matitone”.

Un ultimo è in Corso Monforte, tra Palazzo Diotti e Palazzo Isimbardi.

Cinque sono stati demoliti nell’area Ex-Alfa Romeo, lungo Viale Renato Serra.

Il rifugio a torre è rifugio antiaereo di tipo speciale in elevato. Si tratta di una particolare opera in calcestruzzo di cemento armato a forma cilindrica o leggermente troncoconica, con punta conica, costruita fuori terra, ma con uno o più locali sotterranei, destinata a proteggere dai bombardamenti aerei. La sommità a punta serviva a deflettere le bombe d’aereo, mentre la base era provvista di apposito «gonnellino» per evitare che una eventuale bomba, penetrando nel terreno in prossimità della struttura, potesse causarle danni, disassandola. I modelli sono svariati e, al proposito, il testo del Brevetto per Invenzione Industriale N. 387348 (Ricovero di protezione contro gli attacchi aerei), del 1941, così riporta: «I ricoveri di protezione contro gli attacchi aerei non si costruiscono più recentemente come ambienti sotterranei a forma di cantine, ma come edifici a sé con più piani sovrapposti come le così dette torri di protezione contro gli attacchi aerei».

Soprattutto in Germania e in Austria si sono costruiti innumerevoli tipi di rifugio a torre, variamente articolati, di cui ne rimangono tutt’oggi numerosi esempi: allo scalo ferroviario di Francoforte ne esiste uno alto una ventina di metri, dall’aspetto slanciato e quasi aerodinamico.

Per l’approfondimenti si segnala:

Foedrowitz M., Luftschutztürme und ihre Bauarten 1934-1945, Podzun-Pallas, Wölfersheim-Berstadt 1998.

Gianluca Padovan (Ass.ne S.C.A.M. – F.N.C.A.)

Click sulle immagini per ingrandire


1.fronte


2.retro


3. Il Matitone di Via Adriano a Milano.

Nessuna immagine

Gli scatti migliori

Nessuna immagine

Il sottosuolo di Napoli

Nessuna immagine

Ultimi post nel forum

13 Dicembre 2018

Forum ExtraTopic

13 Dicembre 2018

  • La dolce vita - Serata romana - da: NeandertalMan
    Era da tempo in programma ma non si vedeva la via di concretizzare questa nuova follia e così, proprio all'ultimo momento, decido di modificare i miei progetti, che questo sabato mi avrebbero...
  • Ancora un break per NUg - da: NeandertalMan
    Da domani e fino a sabato 12 agosto, mi prendo un nuovo break. Se riuscirò a trovare qualche connessione internet vi potrei anche postare qualche foto altrimenti ci risentiremo al ritorno....

Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons
Il sito www.napoliunderground.org non rappresenta una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Napoli Underground (NUg) è un'organizzazione indipendente che si occupa esclusivamente di esplorazioni, ricerche, divulgazione e informazione e non è collegata a nessuna delle tante associazioni che praticano turismo e/o visite guidate nella nostra città.

 

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo.
Visualizza direttiva e-privacy Documenti